Luglio 11, 2020

Perche’ le perdite di mercato inducono alcuni investitori a muoversi in un modo tale da avere perdite ancora maggiori?

Quando provo a spiegare perche’ molti investitori reagiscono in modo eccessivo alle perdite di mercato, spesso utilizzo il metodo introdotto dal premio nobel Paul Samuelson, la scommessa della monetina. Se dovesse uscire testa, vinceresti 200$. In caso di croce, perderesti 100$. Accetteresti la scommessa?

La maggior parte delle persone rifiutano la scommessa, dato che considerano la perdita potenziale di 100$ maggiore del potenziale guadagno di 200$. Questo atteggiamento e’ conosciuto come avversione alle perdite, e aiuta a spiegare come un mercato in discesa puo’ essere sgradevole ai piu’.

Inoltre, il problema di molti investitori e’ che non sono solamente avversi alle perdite. Sono anche estremamente sensibili alle perdite nel brevissimo periodo, un fenomeno che Richard Thaler ha definito come “myopic loss aversion”. Quando qualcuno e’ miope, riesce solamente a concentrarsi sulle cose vicine. Tutto cio’ che e’ posto a distanza (anche temporale), e’ sfuocato. Sfortunatamente, molti investitori si focalizzano solamente sugli eventi recenti, anche se cosi facendo riducono in modo significativo le loro performance sul lungo periodo. Queste sono le persone piu’ a rischio di vendere durante una crisi, che, come risaputo, nel tempo comporta a perdite ancora maggiori rispetto al mantenimento dell’investimento come programmato per il periodo.

C’e’ un metodo per analizzare e quantificare la miopia degli investitori?

Si possono sicuramente valutare diversi elementi. Il primo, per esempio, e’ quello di vedere e di capire quante volte guardano e controllano i loro investimenti. Una volta all’ora? Una volta al giorno? Una volta al mese? Una volta l’anno?

Un altro elemento e’ quello sul quale analizzano i loro investimenti. Si affidano ai report forniti o controllano i loro investimenti tramite smartphone? Perche’ nonostante gli smartphone possano rendere gli investimenti piu’ convenienti e di piu’ facile accesso a tutti, possono diventare un problema durante i periodi di alta volatilita’. E questo e’ perche’ la possibilita’ di avere tutto sempre a portata di mano ci rende piu’ impulsivi.

A seconda della risposta di vari elementi quindi, si puo’ riuscire a capire il livello di miopia dell’investitore.

Se siete ad alto rischio di “myopic loss aversion”, cosa si puo’ fare?

Il primo suggerimento che si puo’ dare e’ sicuramente quello di non guardare il mercato. Ma se proprio non ci e’ possibile evitarlo, ci sono alcune accortezze che possono essere prese.

  1. Affidarsi ad un professionista, che ti permette di analizzare la situazione e di mostrarti i potenziali risvolti futuri, come ad esempio quale sara’ la situazione finale dell’investimento. Un risultato ad anni di distanza si sa, sara’ sicuramente meno volatile rispetto al momento di crisi attuale.
  2. Vedere le crisi di mercato come una opportunita’ e non come un punto di perdita. Ovviamente, nessuno sa cosa fara’ il mercato il giorno dopo o tra un anno. Ma nonostante cio’, il mero atto di ribilanciare il portafoglio approfittando dello “sconto di mercato” aiutera’ ad avere maggiori guadagni nel futuro.

About the author 

Poggi Leonardo

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Ottieni Gratuitamente l'e-Book

Investimenti - I 10 errori da EVITARE

>