Marzo 1, 2021

Tramite un panino (patatine escluse)

Come facciamo a sapere se siamo piu’ ricchi della Svizzera o della Nigeria? Se nel primo paese si guadagna tantissimo ma la vita costa molto di piu’, sono veramente piu’ ricchi di noi?

Vediamo che cos’e’ il Big Mac Index.

il big mac index

Il Big Mac Index ci dice quanto costa un Big Mac, il famosissimo panino di Mc Donald’s in giro per il mondo, in dollari americani.

Nel 2021

A gennaio 2021, il paese dove un Big Mac e’ piu’ costoso e’ la Svizzera. A seguire Svezia e Norvegia.

Ma a cosa serve veramente questo indice?

L’indice aggiustato

Inventato nel 1986 dal settimanale britannico The Economist per fornire un confronto valutario di facile comprensione per i propri lettori, il sistema è basato sulla teoria della parità dei poteri di acquisto e sulla legge del prezzo unico e ha l’obiettivo di mostrare sopravvalutazioni e sottovalutazioni delle singole valute.

Il prezzo del panino (che in teoria dovrebbe essere identico in tutto il mondo, dal momento che il prodotto è preparato in maniera identica e con gli stessi ingredienti standard in tutto il mondo) viene convertito in dollari statunitensi, così da confrontare il potere d’acquisto delle singole valute nazionali in modo semplificato.

EUR/USD

Ad esempio, con questo indice si puo’ vedere che l’euro e’ sottovalutato rispetto al dollaro americano del 9%.

Cio’ significa che l’euro dovrebbe accrescere di valore (secondo l’indice del panino)

i limiti

Questo modello ha comunque parecchi limiti:

Il panino potrebbe costare diversamente in paesi diversi, data la diversita’ dei costi di apertura e mantenimento dei locali, di stipendi e di posizione del punto vendita.

Dalla quantita’ di pubblicita’, e soprattutto da cosa il mercato domanda.

Quanto hai pagato l’ultimo Big Mac?

Scrivilo nei commenti.

About the author 

Poggi Leonardo

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}
Title Banner with Sidebar

Ottieni Gratuitamente l'e-Book

Investimenti - I 10 errori da EVITARE

>