Luglio 9, 2019

Unicredit dopo aver ceduto il 30% nel 2016 ieri ha venduto l’ultimo 18,3% incassando 1,09 miliardi.

nche l’ultimo pezzo in mano a Unicredit di Fineco Bank, la banca di consulenza guidata da Alessandro Foti (nella foto) è finito sul mercato. Ieri in tarda serata l’istituto guidato da Jean Pierre Mustier ha comunicato di aver incassato 1,09 miliardi di euro dalla cessione tramite accelerated book building delle restanti 111,6 milioni di azioni FinecoBank corrispondenti a circa il 18,3% del capitale.

Il prezzo incorpora uno sconto del 4,4% rispetto al prezzo di chiusura di ieri. L’impatto patrimoniale per Unicredit è stato di un aumento di circa 30 punti base sull’indice CET1 nel terzo trimestre 2019. Per l’operazione la banca guidata da Mustier si è avvalsa di Jp MorganUbs Unicredit Cib quali joint bookrunners.

La mossa di Unicredit è coerente con la strategia di Mustier che già negli anni scorsi infatti aveva ceduto quote di FinecoBank, mettendo sul mercato prima il 10% nel luglio del 2016 e poi un successivo 20% nell’ottobre di quell’anno. Proprio in questi mesi del resto l’istituto sta definendo il nuovo piano industriale che sarà presentato a Londra nel prossimo mese di dicembre. La dismissione di FinecoBank potrebbe rientrare nella ridefinizione del perimetro della banca e delle sue fonti di ricavo in vista della nuova strategia.

Articolo originale

About the author 

Poggi Leonardo

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Scarica Gratuitamente l'ebook

I 10 errori da EVITARE negli investimenti

>